Chiusura uffici fino al 3 aprile

Vista la proroga delle misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019, fino a tutto il 03.04.2020, si comunica la chiusura al pubblico degli uffici della Segreteria provinciale SNALS CONFSAL DI UDINE.
Il CAF rimane aperto al pubblico negli orari pubblicati su questo sito ma riceve per appuntamento.
Gli appuntamenti già fissati verranno nuovamente concordati con gli interessati o realizzati in videoconferenza.

Trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, di modifica dell’attuale rapporto di lavoro a tempo parziale, di ritorno al tempo pieno

Entro il 15 marzo 2020 è possibile richiedere la trasformazione, a tempo parziale e viceversa, del rapporto di lavoro a tempo indeterminato presso le istituzioni scolastiche.

Vai alla circolare.

Annullato lo sciopero del 6 marzo

Non si effettuerà lo sciopero della Scuola indetto per il 6 marzo. La decisione è stata assunta dai Segretari generali di FLC CGIL, Francesco Sinopoli, CISL FSUR, Maddalena Gissi, UIL Scuola RUA, Pino Turi, SNALS Confsal, Elvira Serafini, FEDERAZIONE Gilda-Unams, Rino Di Meglio, in considerazione dell’emergenza sanitaria in corso, che ha causato fra l’altro la chiusura delle scuole in vaste aree del Paese impedendo lo svolgimento delle assemblee sindacali programmate. La decisione, assunta per senso di responsabilità dai sindacati, risponde anche all’appello diffuso nelle ultime ore dalla Commissione di garanzia di non effettuare le agitazioni già indette in diversi settori lavorativi.

“In questa fase così delicata – affermano i segretari generali dei cinque sindacati – non possiamo non tenere conto dell’emergenza in atto. Da qui la decisione di non effettuare le azioni di sciopero, pur rimanendo confermate tutte le ragioni della loro proclamazione. Ci aspettiamo dalla ministra Azzolina analogo senso di responsabilità con la riapertura di un confronto nel merito di decisioni che confliggono con le nostre richieste e con le intese sottoscritte fra sindacati, Governo e Amministrazione”.

“La convocazione dei sindacati al Ministero per la giornata di domani – aggiungono Sinopoli, Gissi, Turi, Serafini e Di Meglio – sarà l’occasione per esaminare congiuntamente i molti aspetti di una situazione delicata e complessa, in particolare per i temi legati alla gestione del personale che hanno natura prettamente sindacale”.

Sciopero della scuola il 6 marzo

Oggetto: proclamazione sciopero del Comparto Istruzione e Ricerca – Settore Scuola.

Le scriventi OO.SS., nel rivendicare il rispetto di quanto contenuto nel verbale di conciliazione del 19 dicembre 2019, proclamano lo sciopero del Comparto Istruzione e Ricerca – Settore Scuola per l’intera giornata del 6 marzo 2020, con particolare riguardo al personale in condizione di precarietà lavorativa. Tale indizione rappresenta una prima espressione di dissenso per le scelte politiche in materia di gestione del personale della scuola. A questa le scriventi OO.SS. si riservano di far seguire ulteriori iniziative.

In particolare denunciano che:

• non è stato portato a positiva conclusione l’unico tavolo attivato relativo all’attuazione del D.L.126/19, convertito come L.159/2019. Il confronto, tenutosi ai sensi del punto 3 del citato verbale del 19 dicembre 2019, doveva condurre alla definizione di procedure di reclutamento tali da riconoscere “la professionalità acquisita, grazie alla quale è stato possibile assicurare la funzionalità del sistema dell’istruzione”, come previsto dall’Intesa del 24 aprile 2019 sottoscritta dallo Organizzazioni Sindacali del comparto e dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. In particolare si evidenzia che è stato disatteso quanto previsto nell’Intesa del 24 aprile 20109, nella quale si condivideva l’esigenza di individuare “le più adeguate e semplificate modalità per agevolare l’immissione in ruolo del personale docente che abbia una pregressa esperienza di servizio pari ad almeno 36 mesi di servizio”; risponde a tale esigenza la necessità di garantire ai candidati ogni opportunità di preparazione e di preventiva esercitazione.

•  non sono state attivate le procedure contrattuali o legislative per portare a soluzione il problema degli assistenti amministrativi, privi di titolo di studio specifico, che hanno svolto per almeno tre anni le funzioni dei Dsga;

•  non è stato avviato il confronto politico in merito ai
, rispetto ai quali deve trovare riconoscimento l’esperienza professionale acquisita

Tali percorsi devono riguardare anche i docenti di ruolo della scuola statale, i docenti non abilitati delle scuole paritarie e dei centri di formazione professionali;

•  non è stato convocato il tavolo di contrattazione nazionale integrativa sulla mobilità, territoriale e professionale, del personale docente, educativo ed ATA.

 

Roma, 14 febbraio 2020

 

FLC CGIL

Francesco Sinopoli

CISL FSUR

Maddalena Gissi

UIL Scuola RUA

Giuseppe Turi

SNALS Confsal

Elvira Serafini

GILDA Unams

Rino Di Meglio

Riconoscimento anzianità valida ai fini dell’attribuzione delle successive posizioni stipendiali

Il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 23 AGOSTO 1988, N. 399 ART. 4. relativo all’INQUADRAMENTO ECONOMICO dei PASSAGGI DI QUALIFICA FUNZIONALE al Comma 3 prevede che:

  • AL COMPIMENTO DEL SEDICESIMO ANNO PER I DOCENTI LAUREATI DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE;
  • DEL DICIOTTESIMO ANNO PER I COORDINATORI AMMINISTRATIVI, PER I DOCENTI DELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE, DELLA SCUOLA MEDIA E PER I DOCENTI DIPLOMATI NELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE;
  • DEL VENTESIMO ANNO PER IL PERSONALE AUSILIARIO E COLLABORATORE;
  • DEL VENTIQUATTRESIMO ANNO PER I DOCENTI DEI CONSERVATORI DI MUSICA E DELLE ACCADEMIE,

l’ANZIANITA’ UTILE AI SOLI FINI ECONOMICI E’ INTERAMENTE VALIDA AI FINI DELL’ATTRIBUZIONE DELLE SUCCESSIVE POSIZIONI STIPENDIALI.

Quindi per coloro che:

  1. dispongono già della ricostruzione di carriera;
  2. che hanno fatto più di 4 anni di preruolo;
  3. che hanno l’anzianità di cui sopra,

è possibile proporre istanza per ottenere il nuovo computo degli anni preruolo considerati parzialmente in sede di ricostruzione di carriera.

Scarica modulo domanda.

DSGA – MANCATO PAGAMENTO INDENNITA’ DI REGGENZA SU DUE SCUOLE

Visto il permanere del mancato pagamento del compenso di cui all’art. 19, comma 5 bis, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, spettante ai DSGA in reggenza su due scuole, lo Snals ha dato mandato al Legale di predisporre il ricorso per decreto ingiuntivo per coloro che hanno diritto al pagamento dell’indennità di reggenza e sbloccare in questo modo la situazione incresciosa creata dal MEF.

Come noto, il CCNL stipulato il 10.11.2014 all’art. 2 recita: “1. Per gli anni scolastici 2012-2013 e 2013-2014, al DSGA che copra o abbia coperto posti assegnati in comune con più istituzioni scolastiche, per effetto delle misure di razionalizzazione di cui all’art. 19, commi 5 e 5-bis del D.L. n. 98/2011, compete, per i periodi di copertura dei relativi posti, una indennità mensile fissa e ricorrente, corrisposta per dodici mensilità, avente natura accessoria, di Euro 214,00 mensili lordi….(omissis) 4. Con ulteriore sessione negoziale, gli effetti del presente accordo potranno essere estesi anche ai successivi anni scolastici, ai sensi della normativa richiamata al comma 3.”;

Con successivo CCNL 19.04.2018 per il triennio 2016/2018, all’art. 39 intitolato “Indennità per il DSGA che copra posti comuni a più istituzioni scolastiche” viene stabilito: “In attuazione dell’art. 2, comma 4 del CCNL relativo ai direttori dei servizi generali ed amministrativi delle scuole (DSGA) sottoscritto il 10/11/2014, gli effetti del predetto CCNL sono prorogati fino al termine dell’anno scolastico nel corso del quale è adottato l’accordo in sede di conferenza unificata di cui all’art. 19, comma 5-ter del D.L. 6-7-2011, n. 98.”.

Inoltre, ai sensi dell’art. 2, comma 3, del CCNL 19.04.2018: “gli istituti a contenuto economico con carattere vincolato ed automatico sono applicati dalle amministrazioni competenti entro 30 giorni dalla data di stipulazione del contratto medesimo.”.

Sulla base di tali argomentazioni l’Avv. Francesca Starace, legale convenzionato, ha provveduto a presentare i ricorsi per decreto ingiuntivo innanzi al Tribunale, Sezione Lavoro, ottenendo dal Giudice l’emanazione dei decreti ingiuntivi immediatamente esecutivi nei confronti del Miur e delle Ragionerie Provinciali ed il conseguente pagamento agli interessati entro 40 giorni dalla notifica dei provvedimenti giudiziali.

Per tutto quanto sopra esposto,  è possibile aderire al ricorso per decreto ingiuntivo, ai sensi dell’art. 39 CCNL 2016/2018 e dell’art. 146, punto 7 del CCNL 2007, affidando l’incarico al suddetto legale convenzionato presso l’UFFICIO DEL CONTENZIOSO della Sefreteria SNALS di Udine, presentando i seguenti documenti in formato PDF già scansionati:

  1. Decreti del Direttore Generale dell’U.S.R. con il quale è avvenuta l’assegnazione in reggenza su due scuole negli anni scolastici di interesse;
  2. certificati di servizio degli Istituti in cui è stata svolta la reggenza;
  3. lettera raccomandata o pec di richiesta pagamento indennità indirizzata all’Istituto ed alla Ragioneria Territoriale;
  4. documento d’identità;
  5. codice fiscale;
  6. pagamento del Contributo Unificato da versare al Tribunale di interesse (l’importo varia in base allo scaglione di valore: € 49,00 fino ad un valore di € 5.200,00; € 118,50 per procedimenti da € 5.200,00 ad € 26.000,00).

Per fissare un incontro di adesione e consegna della documentazione scrivere a udine.legale@snals.it

L’adesione è riservata agli associati allo SNALS-Confsal di Udine ed è previsto un contributo per la procedura.

ATA: Calendario supplenze a.s. 2019-20

Si pubblica il calendario delle convocazioni per le supplenze del personale ATA as 19-20, le operazioni si svolgeranno presso l’ITC Deganutti di Udine.

Vedi calendario

Ruoli: calendario operazioni ambiti provinciali.

Pubblicato il calendario delle operazioni, predisposto dagli Ambiti provinciali della Regione F.V.G., relativo alle immissioni in ruolo per l’a.s. 2019/2020.

Vai al calendario.

ATA: assistenti amministrativi per utilizzazioni DSGA

Con nota del 14 agosto l’USR ha comunicato il calendario delle convocazioni degli assistenti amministrativi aspiranti all’utilizzazione in qualità DSGA sui posti disponibili e/o vacanti per l’anno scolastico 2019/2020.

Le operazioni di utilizzazione avranno luogo presso l’USR di Trieste lunedì 19 agosto 2019 come segue:

  • ore 15,00 provincia di Trieste;
  • ore 15.30 provincia di Gorizia:
  • ore 16.00 provincia di Udine;
  • ore 16.30 provincia di Pordenone.

Gli aspiranti sono stati convocati in numero maggiore rispetto alle disponibilità di posti, in previsione di eventuali assenze o rinunce

Il personale convocato è quello inserito negli elenchi definitivi pubblicati sul sito web dell’USR FVG in data 14 agosto 2019.