Ricorso TAR – Lazio D.M. 496/2016 (Aggiornamento GAE)

Con il D.M. n. 495 del 22 giugno 2016 il Miur ha disposto l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del personale docente valevoli per il triennio scolastico 2014/2017.

In particolare, il decreto disciplina, con effetto dall’ a.s. 2016/2017, lo scioglimento della riserva da parte degli aspiranti già inclusi con riserva perché in attesa di conseguire il titolo abilitante e che conseguiranno l’abilitazione entro l’ 8 luglio 2016 ovvero l’aggiornamento degli elenchi per l’effetto dell’acquisizione del titolo di specializzazione per il sostegno ovvero per la presentazione dei titoli di riserva acquisiti entro l’8 luglio.

Premesso quanto sopra, lo SNALS-Confsal organizza dei ricorsi collettivi da proporre dinanzi al Tar del Lazio per l’impugnativa del D.M. 495/2016 nella parte in cui, nel disporre le operazioni annuali di integrazione delle GAE esclude ancora:

  • Tutti coloro che sono in possesso del diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002
  • Gli abilitati PAS;
  • Gli abilitati TFA;
  • Gli abilitati scienze della formazione primaria;
  • I depennati dalle Gae per aver omesso di aggiornare la loro posizione

Ai fini dell’ammissibilità dei ricorsi è necessario che gli interessati presentino comunque la domanda cartacea, con raccomandata a/r, al Miur e all’ambito territoriale (già USP) prescelto, utilizzando il modello allegato alla presente entro l’ 8 luglio p.v..

Il termine ultimo per la raccolta delle adesioni è fissato per il 21 luglio 2016.

La quota di partecipazione per ciascun ricorso è di Euro 120,00 per gli iscritti allo Snals-Confsal e verrà corrisposta secondo le istruzioni che seguiranno.

Per procedere al ricorso i ricorrenti, dopo avere inviato la domanda, allegata alla presente, secondo le predette istruzioni, a MIUR e USR scriveranno una mail a: roberto.cazzanti@snalsudine.it

per richiedere un appuntamento avendo cura di inserire il proprio numero di telefono.

 

Vai al modello di domanda.

Ricorso per docenti esclusi dal CONCORSO SCUOLA 2016

CONCORSO SCUOLA 2016 – PRIME INDICAZIONI OPERATIVE RICORSO PER CATEGORIE DI DOCENTI ESCLUSI

per informazioni adesione ricorso rivolgersi a roberto.cazzanti@snalsudine.it

Nella Gazzetta Ufficiale di venerdì 26 febbraio 2016 sono stati pubblicati i bandi di concorso relativi al concorso del personale docente per la scuola dell’infanzia e primaria (D.D.G. 105/2016), per la scuola secondaria di primo e secondo grado (D.D.G. 106/2016) e per il sostegno (D.D.G. 107/2016).

Numerose sono le categorie di docenti esclusi dalla possibilità di partecipare alla procedura concorsuale.

  1. E così, non potranno partecipare:
    i docenti già di ruolo nella scuola pubblica;
  2. i laureati sprovvisti di abilitazione all’insegnamento nonostante abbiano conseguito il titolo entro l’anno accademico 2001/2002 (per i corsi di laurea quadriennali) ovvero 2002/2003 (per i corsi di laurea quinquennali);
  3. i laureati dopo il 2001/2002 (per i corsi di laurea quadriennale) o 2002/2003 (per i corsi di laurea quinquennale) sprovvisti di abilitazione all’insegnamento;
  4. i docenti privi di abilitazione ma con servizio superiore ai 36 mesi.
  5. i docenti in possesso del titolo di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla circolare ministeriale n. 27 del 11 febbraio 1991.

Per costoro, ovvero per ulteriori categorie di soggetti che risultino pregiudicati dai bandi, l’ufficio legale nazionale provvederà, secondo modalità che saranno comunicate AGLI INTERESSATI, a predisporre iniziative giudiziarie dinanzi al Tar del Lazio.

Ai fini dell’ammissibilità del ricorso è necessario che tutti coloro che sono interessati a partecipare all’iniziativa giudiziaria presentino apposita domanda cartacea per l’ammissione alla procedura concorsuale, secondo il modello che sarà trasmesso su richiesta.

La domanda di partecipazione alla procedura, secondo il modello di cui sopra, dovrà essere preceduta dal pagamento mediante bonifico bancario dell’importo di euro 10,00 sul conto intestato a Sezione di Tesoreria 348 Roma Succursale, IBAN: IT28S0100003245348013241000
Causale:
– per la scuola dell’infanzia e primaria “Regione – procedura

concorsuale/posto comune – nome cognome – codice fiscale del candidato”
– per la scuola secondaria di primo e secondo grado “Regione – classe di concorso o ambito disciplinare verticale – nome cognome – codice fiscale del

candidato”
– per il sostegno “Regione – procedura concorsuale/posto di sostegno – nome

cognome – codice fiscale del candidato”

Pertanto, considerati i tempi ristretti per la predisposizione e notifica del ricorso, il termine ultimo per la raccolta delle adesioni è fissato sin da ora al 23 marzo 2016.

Non saranno accettate adesioni che dovessero pervenire oltre il suddetto termine.

PERIODO DI FORMAZIONE E PROVA DEI DOCENTI: NOTIFICATO IL RICORSO CONTRO IL DECRETO DEL MIUR. COMUNICATO UNITARIO

Le organizzazioni sindacali Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, SNALS-Confsal e GILDA-Unams, hanno presentato ricorso al Tar Lazio nei confronti del DM 850 del 27/10/2015 relativo al periodo di prova e formazione del personale docente neo assunto; un provvedimento applicativo della legge 107/2015, rispetto al quale fin dalla sua presentazione i sindacati hanno contestato evidenti forzature ed effetti di retroattività inaccettabili, nonché invasioni di campo sulle prerogative contrattuali in materia di organizzazione del lavoro.

Il provvedimento include infatti tra i destinatari del periodo di formazione anche i docenti che abbiano ottenuto il passaggio di ruolo, nonostante si tratti di insegnanti già titolari di contratto a tempo indeterminato, che hanno già effettuato l’anno di prova e formazione all’atto della loro originaria immissione in ruolo; inoltre la disciplina riguardante la mobilità dei docenti, compresa quella professionale, è riservata per espressa previsione dei DD.Lgss. n. 165/2001 e n. 297/2004 alla contrattazione collettiva e pertanto non può soggiacere a decisioni discrezionali dell’Amministrazione.

La stessa amministrazione, con la nota 3699 del 29/2/2008, aveva peraltro precisato con chiarezza che “l’anno di formazione va effettuato una sola volta nel corso della carriera”, riconoscendo come illogico e irragionevole richiedere a un docente che passa a un diverso ordine di scuola, avendo già maturato una consistente esperienza di servizio, la medesima formazione prevista per un docente neo-immesso in ruolo. A tutto ciò si aggiunge il fatto che al momento della presentazione delle domanda di passaggio di ruolo la 107 non era ancora legge dello Stato.

Con quest’ultima impugnativa, assommano a tre i ricorsi finora presentati unitariamente dai sindacati nei confronti di altrettanti provvedimenti attuativi della legge 107/2015. Il primo ricorso ha riguardato le ingiuste esclusioni dal piano di immissioni in ruolo; il secondo i criteri di attribuzione della carta del docente, anche in questo caso con ingiustificate e inaccettabili discriminazioni. Su questo secondo ricorso il tribunale amministrativo si esprimerà il 14 e il 28 gennaio, rispettivamente per quanto riguarda i docenti a tempo determinato e gli educatori.

Fissate dal TAR le date di discussione del ricorso contro la mancata assegnazione della card (14 gennaio per i docenti a tempo determinato, 28 gennaio per gli educatori)

Roma, 12 gennaio 2016

FLC CGIL

CISL Scuola

UIL Scuola

SNALS Confsal

GILDA Unams

Ricorso Tar Lazio abilitati esclusi dal piano straordinario di assunzione in ruolo.

Azione legale N. 82: Ricorso Tar Lazio abilitati esclusi dal piano straordinario di assunzione in ruolo.

L’Ufficio legale della Confsal ha promosso un’azione legale a favore di tutti i docenti abilitati esclusi dal piano straordinario di assunzione in ruolo previsto dal decreto D.D.G. 767/2015, in attuazione della legge n. 107

Riguarda tutti i docenti che, pur essendo in possesso di una abilitazione all’insegnamento (TFA, PAS, Diploma magistrale abilitante, laureati in scienze della formazione primaria), non risultano inseriti nelle Gae.

Possono partecipare al presente ricorso solo i docenti non inseriti nella GAE e non coloro che vi siano inseriti con riserva e che sono in possesso di abilitazione all’insegnamento ovvero:

1)    Abilitato che ha maturato 36 mesi di servizio

2)    Abilitato che non ha maturato 36 mesi di servizio

Il termine ultimo per il completamento delle adesioni è fissato improrogabilmente al 8 ottobre 2015 termine entro il quale gli associati interessati dovranno concludere gli adempimenti di adesione al ricorso con la documentazione prevista.

Informazioni in sede.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL PIANO STRAORDINARIO DI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO

A seguito della pubblicazione della legge 107/2015 recante “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e per il riordino delle disposizioni legislative vigenti” (c.d. Decreto Buona scuola) il Miur ha emanato il D.D.G. 767/2015, relativo alla indizione delle procedure di assunzione del personale docente.

Il decreto in questione prevede che possano partecipare al piano straordinario di assunzioni solo coloro che sono inseriti a pieno titolo nelle Gae ovvero nelle graduatorie di merito dell’ultimo concorso. Costoro possono presentare apposita domanda on line fino alle ore 14 del 14 agosto prossimo.

Tutti coloro che sono interessati a partecipare al piano straordinario di assunzione ma ne sono esclusi (non essendo inseriti a pieno titolo nelle Graduatorie ad esaurimento ovvero nelle graduatorie di merito del concorso) dovranno presentare domanda cartacea utilizzando l’allegato modulo.

In particolare, dovranno presentare domanda in formato cartaceo, utilizzando il modello allegato alla presente, tutti coloro che:

  • sono in possesso di abilitazione all’insegnamento (es. Siss, Pas, TFA, diplomati magistrali ante 2001/2002, laureati scienze formazione primaria, ecc..)
  • e che non sono inseriti nelle Gae (ovvero coloro che vi risultino inseriti con riserva) o nella graduatoria dell’ultimo concorso.

La domanda, compilata in ogni sua parte, andrà inviata con raccomandata con ricevuta di ritorno al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, all’indirizzo, Viale di Trastevere, 76/A, entro il 14 agosto prossimo.

Seguiranno le istruzioni per la partecipazione ai ricorsi.

Ricorso per inserimento in GAE dei diplomati magistrali entro a.s. 2001-2002

Ricorso al Giudice del Lavoro di Udine per diplomati magistrali entro l’anno scolastico 2001/2002

Ricorso al Giudice del lavoro per tutti coloro che sono in possesso del diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002 e che non abbiano precedentemente aderito al ricorso al Tar ai fini dell’inserimento in Graduatoria ad Esaurimento presso lo SNALS di Udine.

Possono partecipare al ricorso tutti coloro che hanno conseguito il diploma magistrale entro l’anno scolastico 2001/2002 ed intendano inserirsi nelle Graduatorie ad esaurimento di Udine.

Prima di proporre ricorso è necessario spedire un atto di diffida (da scaricare e completare qui):

  1. al Miur
  2. all’Ufficio scolastico provinciale di Udine, chiedendo l’inserimento nelle Gae.

La quota di partecipazione al ricorso è di Euro 150,00 per gli iscritti allo Snals Confsal.

Per aderire al ricorso si prega di inviare nome, cognome, telefono, mail all’indirizzo:

  •  mauro.grisi@snalsudine.it
  • roberto.cazzanti@snalsudine.it

Verranno accettate le adesioni pervenute entro e non oltre il giorno martedì 16 giugno 2015.

Sentenza della Corte di Giustizia Europea e ricorso a Udine.

Per chi ha già ricorso (Azione legale n° 38).

Il 26 novembre U.S., è stata pubblicata la sentenza della Corte di Giustizia Europea nelle cause riunite C-22/13, da C-61/13 a C-63/13 e C-418/13 avente ad oggetto la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola.

In relazione ai giudizi attualmente pendenti, compreso il ricorso che questa segreteria provinciale ha avviato a tutela di quasi 300 iscritti, occorre ricordare che la Corte di giustizia non risolve la controversia che ha dato luogo al rinvio pregiudiziale ma spetta al giudice nazionale risolvere la causa conformemente alla decisione della Corte stessa. La data per l’udienza del nostro ricorso è stata fissata dal Giudice di Udine al 28 maggio 2015.

Per chi non ha ancora ricorso.

Infine, per tutti coloro in possesso del requisito (tre anni di incarico annuale su posto vacante) e che non hanno aderito alla predetta azione legale, si preannuncia che è in fase di avvio un nuovo ricorso che sarà predisposto alla luce di quanto stabilito dalla Corte di giustizia europea.

Gli interessati a questa imminente iniziativa dello SNALS-ConfSAL di Udine possono inviare una mail a udine.legale@snals.it indicando nella stessa il nome, il cognome e il recapito telefonico, manifestando il proprio interesse ad essere avvisati all’avvio del nuovo ricorso per la stabilizzazione. Naturalmente tale comunicazione non costituisce alcun impegno.

GAE provvisorie Docenti ed ducatori

Pubblicate in data odierna le graduatorie ad esaurimento provvisorie del personale docente ed educativo.

Per i ricorsi amministrativi l’ufficio ha predisposto questo form che va compilato in ogni sua parte.

Qualora non pervenisse immediatamente ricevuta della presentazione del ricorso presentato attraverso il sito dell’USP, si invitano gli interessati a utilizzare questo modulo ed inviarlo con raccomandata A/R.

Dalla data di pubblicazione ci sono 5gg di tempo per presentare i ricorsi.

Decreto di pubblicazione.

 

 

Share

RICORSI AVVERSO LE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO 2014.

Lo S.N.A.L.S. Conf.S.A.L., nell’intento di tutelare alcuni aspiranti esclusi dalla possibilità di inserimento nelle graduatorie in oggetto, propone i seguenti ricorsi destinati esclusivamente agli iscritti al sindacato.

Costo.

Il costo proposto dall’Ufficio Legale Centrale della Confsal per gli iscritti è di € 150,00.

Lo Snals di Udine, accollandosi parte delle spese, propone ai propri iscritti i seguenti costi:

€ 120,00 per gli associati

€ 120,00+iscrizione per chi deve associarsi.

Scadenza.

Termine ultimo per l’adesione è martedì 26 maggio.

Prenotazioni.

Si invitano gli interessati a contattare l’Ufficio legale della segreteria di Udine scrivendo una mail a roberto.cazzanti@snalsudine.it

E’ possibile aderire ad una delle seguenti Azioni legali purchè si sia prodotta la domanda per le GAE, diversamente non sarà possibile ricorrere.

1) AZIONE N. 75 – D.M. 235/14 – AGGIORNAMENTO GRADUTORIE AD ESAURIMENTO-  Ricorso Tar Lazio abilitati TFA

Possono partecipare al ricorso tutti coloro che hanno conseguito il titolo abilitante all’esito dei corsi TFA che intendono inserirsi nelle graduatorie ad esaurimento, oggetto di aggiornamento.

2) AZIONE N. 76 – D.M. 235/14 – AGGIORNAMENTO GRADUTORIE AD ESAURIMENTO-  Ricorso Tar Lazio abilitati ante 2007 già inseriti nelle graduatorie permanenti

Ricorso concernente tutti coloro che, già inseriti nelle graduatorie permanenti ed in possesso di un titolo abilitante conseguito ante 2007, che hanno omesso di presentare la domanda di permanenza nelle GAE  in occasione dei loro aggiornamenti ed intendono essere reinseriti in occasione del nuovo aggiornamento disposto dal DM 235/14.

3) AZIONE N. 77 – D.M. 235/14 – AGGIORNAMENTO GRADUTORIE AD ESAURIMENTO- RICORSO ABILITATI SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

Ricorso per tutti coloro che hanno conseguito il titolo abilitante attraverso la partecipazione al corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria ed intendono essere inseriti nelle GAE in occasione del loro aggiornamento.

In particolare, possono partecipare al ricorso tutti coloro che hanno conseguito il titolo abilitante all’esito della frequenza del corso di laurea in scienze della formazione primaria iscritti successivamente all’anno accademico 2007/2008 (ultimo anno utile all’iscrizione con riserva).

4) AZIONE N. 78 – D.M. 235/14 – AGGIORNAMENTO GRADUTORIE AD ESAURIMENTO-  Ricorso Tar Lazio “abilitati” diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002

Ricorso per tutti coloro che sono in possesso del diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2000/2001.

In particolare, possono partecipare al ricorso tutti coloro che hanno conseguito il diploma magistrale entro l’anno scolastico 2001/2002 ed intendono inserirsi nelle GAE.

 

 

Share

Ricorso contro la trattenuta Enam per i Docenti della scuola dell’infanzia e primaria e i Dirigenti scolastici (ex Dir. Didattici) iscritti allo SNALS-Conf.S.A.L di Udine.

Il ricorso è diretto ad ottenere la cessazione della trattenuta obbligatoria Enam sullo stipendio dalla data della soppressione dell’Ente (31 luglio 2010).

Il personale di ruolo della scuola dell’infanzia e della scuola primaria è sempre stato assoggettato ad una trattenuta obbligatoria in favore dell’Ente Nazionale  di Assistenza Magistrale (ENAM) pari allo 0,80% dello stipendio, per poter beneficiare di eventuali prestazioni socio assistenziali.

Per effetto della Legge n. 122/2010 l’Enam è stato soppresso e le relative funzioni sono state trasferite all’Inpdap.

Successivamente, con la Legge n. 214/2011, l’Inpdap è a sua volta stato soppresso e le relative funzioni sono state attribuite all’INPS.

La trattenuta obbligatoria ex Enam ad oggi si concretizza in una doppia trattenuta su una categoria di docenti già fortemente penalizzata.

A seguito delle numerose richieste degli iscritti, la Segreteria di Udine, propone agli aderenti la possibilità di ricorrere al Giudice del lavoro di Udine allo scopo di richiedere l’interruzione immediata della trattenuta obbligatoria relativa all’ex Enam e la restituzione di quanto illegittimamente trattenuto dalla data dalla soppressione dell’Ente (31 luglio 2010).

Interessati ad aderire al ricorso sono tutti i docenti della scuola dell’infanzia e primaria di ruolo e i dirigenti (ex direttori didattici) in servizio nella provincia di Udine.

Informazioni nelle sedi di Udine, Tolmezzo e San Giorgio di Nogaro

Prenotazioni appuntamenti per l’adesione:   mauro.grisi chiocciola snalsudine.it   –   roberto.cazzanti chiocciola snalsudine.it

Share